5. L’INTELLIGENZA

«Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la vita a credersi stupido.» Albert Einstein
Come può essere definita l’intelligenza? Perché e quando la usiamo?
L’intelligenza serve in situazioni nuove, per cercare soluzioni originali. È utile non solo per studiare, ma anche per fare acquisti in un negozio, per capire il carattere di una persona che conosciamo da poco, per organizzare il nostro tempo, per orientarci in una città nuova o per farci capire quando una persona sta dicendo la verità o sta mentendo.
L’intelligenza è la risorsa primaria della specie umana: ci ha infatti permesso di abbandonare l’uso esclusivo della forza sottraendoci in parte alle leggi di natura, come dimostra il celebre episodio di Ulisse e Polifemo, narrato da Omero nell’Odissea. Esso simboleggia come la forza, a un certo punto della nostra evoluzione, ceda il passo all’uso del pensiero.
In questa unità ti confronterai con le ricerche di diversi studiosi sul tema dell’intelligenza, dalla necessità di darne una definizione alla possibilità di misurarla. Infine, scoprirai a che punto sono i tentativi dell’uomo di dar vita all’intelligenza artificiale.

I colori della Psicologia - volume 1
I colori della Psicologia - volume 1
Primo biennio del liceo delle Scienze umane